Incontra l'artista

Monregalese di nascita vive da molti anni a Cuneo.

Dopo aver completato gli studi a Mondovì, studia  pittura col pittore professore Ezzo Chicca, figura  con lo scultore Giovanni Chissotti. Conseguito  il diploma  presso il liceo-Accademia di Torino, insegna nella propria città disegno tecnico all'Istituto Geometri, Educazione artistica alle Medie.

IMG-0970.jpg

Il colore
tra sogno e realtà

Pastelli e acrilici di Paola Meineri Gazzola

 

Centro Studi Monregalesi

Vicolo Monte di Pietà, 1 Mondovì
La mostra verrà inaugurata venerdì 7 maggio 2021

Una lunga appassionata ricerca artistica all’insegna di un colore lirico, specchio dei moti dell’anima, contraddistingue l’opera di Paola Meineri Gazzola.

Una ricerca che si sviluppa su due fronti contrapposti: figurazione ed astrazione, ma non per questo reparti stagni; come avviene per i vasi comunicanti vi sono echi, passaggi, richiami da una poetica all’altra. Così certe immagini figurative travalicano i limiti della mimesi realistica e vanno in una direzione metafisica, in un contesto di astrazione mentre alcune forme astratte richiamano per vaghi cenni e allusioni un dato reale.

P1015594.jpg

Mostra Antologica

Chiesa di San Giovanni, Fossano
Via Garibaldi, 71

La mostra verrà inaugurata sabato 7 maggio 2022

La sua capacità e bravuta con il pastello è indiscutibile e ne fanno una delle maggiori rappresentanti in questa tecnica a livello mondiale. La sua presenza nella Giuria Internazionale della rassegna "Europastello", il suo curriculum espositivo in quasi tutto il pianeta, la partecipazione a rassegne dedicate a questa tecnica, le pubblicazioni e le recensioni critiche che la riguardano, la presenza di opere in collezioni pubbliche e private, non possono che confermare quello che sto affermando. I soggetti ispiratori sono quelli della nostra tradizione, il paesaggio, l'architettura, la natura, i fiori, la figura.

Il leggero avanzare a ritroso

Palazzo Samone, Cuneo
Via Amedeo Rossi, 4

La mostra verrà inaugurata venerdì 7 maggio 2021

Paola Meineri Gazzola si ripropone nuovamente al pubblico dei suoi estimatori con una sua particolare mostra antologica, in cui le opere selezionate per le belle sale espositive del piano nobile di Palazzo Samone a Cuneo sono ordinate con il criterio specifico di condurre l’osservatore lungo un percorso di visita denso di sorprese, invitandolo a disporsi con gli occhi e la mente al ritmo di un “leggero avanzare a ritroso”, secondo quanto è annunciato nel titolo dell’esposizione, che procede in base a una linea del tempo compresa tra il 2020 e il 1978.

corteccia  9.jpg

Michele Berra

(giornalista e critico d'arte nel secondo dopoguerra)

Questi dipinti hanno il magico potere di cogliere i segreti umori di una realtà trasformata, emotivamente inventata, che ha un’aurea poetica crepuscolare. 

Ida Isoardi

(curatrice di mostre e critico d'arte)

Possiede la capacità di esaltare e di attenuare le caratteristiche della forma, di “trasformare”  ed interpretare la sostanza delle cose con un mezzo ingannevole, effimero ed apparente: il colore.

Carlo Morra

(critico d'arte e giornalista)

[..] presenterà una selezione di paesaggi trattati sempre con la tecnica del pastello, dimostrando così come l’artista sappia affrontare con assoluta padronanza della tecnica ed altrettanto senso lirico le tematiche più diverse che sollecitino la sua emozione.